mercoledì 9 aprile 2014

IL (MIO) MODENA PLAY 2014

Durante il fine settimana che ci siamo appena lasciati alle spalle si è tenuta la tre giorni del "Modena Play", una delle manifestazioni ludiche più importanti ed interessanti d'Italia. Io a differenza dei miei "ludico-amici" della rete non ci sono potuto andare alla Fiera a provare e soprattutto comprare i giochi, ma nonostante questo non mi sono perso di fiducia! direttamente dal divano di casa mi sono auto-regalato alcuni titoli, tra cui le fichissime tre espansioni per "Survive" ("The Island"): 5-6 giocatore, Calamari giganti, dadi e delfini! ora "Survive", che già mi piaceva parecchio, entra di diritto nella mia top five-gdt insieme con "L'Isola di Fuoco", "Mice & Mystics", "River Dragons" e "Love Letter". Per ora è tutto, ma sicuramente non finisce qui...  

DYLAN DOG COLOR FEST 12

Il sogno cullato da almeno una ventina di anni (dagli speciali Dylan Dog & Martin Mystere) di vedere tutti o quasi tutti i miei eroi dei fumetti bonellidi riuniti in un fumetto sta finalmente per realizzarsi! a fine mese, il 23 aprile per essere precisi, uscirà infatti in tutte le edicole il dodicesimo "Color Fest" di Dylan Dog dal titolo "Eroi" in cui accanto all'indagatore dell'incubo ci saranno Martin Mystere, Mister No, Napoleone e addirittura Nathan Never! insomma la scimmia ha cominciato già a dimenarsi di brutto sulle mie spalle ora non mi resta altro da fare che iniziare il conto alla rovescia e sperare che non sia un albo deludente; dopo tutti questi anni di attesa sarebbe un vero peccato...

ORFANI IN EDIZIONE SPECIALE BAO

L'edizione deluxe "Variant" del fumetto "Orfani" Bonelli, dal titolo "L'inizio" edita da Bao Publishing è davvero meravigliosa! mi sbilancio: raramente ho visto fumetto italiano raggiungere livelli qualitativi così alti sotto tutti i punti di vista! per questo bravi tutti: gli autori Recchioni & Mamuccari e l'editrice Bao.

ULTIMATE WARRIOR NON MUORE MAI!

L'attuale Wrestling non mi piace granché, ma negli anni '80 quando ero ragazzino aspettavo con ansia il sabato sera per vedere gli spettacolari incontri tra Hulk Hogan, Macho Man, Koko B.Ware, George the Animal Steel, Ric Flair, The Honk Tank Man etc ed anche se il mio preferito era il "leale" Ricky the Dragon Steamboat, quando entrava sul ring The Ultimate Warrior cominciava lo spettacolo! Sapere che é morto mi è dispiaciuto perché con lui se ne va un pizzico del Tiziano diecenne...

FC MEZZA BRENTA - CARBONARA D'ORO 13-7

Nell'ultima giornata della fase a gironi del Torneo SCO sicuramente la sfida più importante ed affascinante era quella che vedeva affrontarsi due delle candidate alla vittoria finale: l'FC Mezza Brenta e la Carbonara d'oro; in palio oltre ai tre punti c'era il primo posto nel girone e per conquistarlo il team di capitan Calamari aveva a disposizione un solo risulatato: la vittoria! per questo i biancoverdi, con il solo De Martino assente, sono scesi in campo determinati sin da subito a fare il risultato. Dall'altra parte del campo però c'erano i tre volte campioni dello SCO che dopo non aver saltato la diciannovesima edizione, avevano voglia di rimettere subito le cose in chiaro mandando un segnale forte alle concorrenti; alla fine dei 50' regolamentari però sono stati i ragazzi del Mezza a mandare un segnale forte agli avversari, asfaltanto gli azzurri al termine di una partita giocata davvero molto bene. Dopo un primo tempo molto equilibrato, finito 3-3 grazie ad un'incalzante botta e risposta, a spezzare gli equilibri ci ha pensato il solito bomber Ceruti, capace anche stavolta di rifilare ben 9 reti agli ex primi della classe! troppo forte anche per la Carbonara la squadra guidata da Sponza e Caputo autori di una prova davvero sugli scudi. Nel Mezza Brenta comincia a girare tutto nel migliore dei modi: la difesa sembra essersi finalmente compattata (lo dimostrano i soli 8 gol presi nelle ultime tre partite) e se qualcosa gira storto ci pensa un Pietropaoli G. tornato ai livelli della 17^ edizione; sulle fasce Salerno, Sponza e Calamari offrono quantita e qualità garantendo una fase sia difensiva che offensiva di livello; Pietropaoli S. è sempre di più il regista di questa squadra, dai suoi piedi infatti partono tutte o quasi le azioni del Mezza, se ci fosse una classifica anche per gli assist sicuramente ci sarebbe lui a farla da padrone come Ceruti sta facendo con quella del capocannoniere. I suoi 40 e passa goal realizzati giocando solo quattro partite non hanno bisogno di celebrazioni perchè si commentano da soli. Con tutti questi presupposti l'FC Mezza Brenta si presenta ai playoff se non come favorita (ci sono due squadre che hanno fatto meglio nei gironi) sicuramente come protagonista. Serviva una vittoria contro una squadra forte per avere ancora più consapevolezza nei propri mezzi ed il 13-7 contro la corazzata Carbonara rappresentano certamente un bel pieno di fiducia...

mercoledì 26 marzo 2014

FC MEZZA BRENTA - MERCENARI 24-0

Partita senza storia quella andata in scena lunedì scorso nel girone A del 20° SCO tra FC Mezza Brenta e i Mercenari; troppo forti infatti i biancoverdi guidati dal sempre più bomber Ceruti (16 gol per lui) capaci di chiudere il match già nella prima frazione di gioco grazie ad un'incoraggiante +10. Dopo la brutta prestazione della settimana precedente contro il Long Bridge United la squadra di Caputo torna ad essere la schiacciasassi già ammirata in precedenza coi Wintech e con il Club Amici; come in queste due precedenti occasioni Pietropaoli S. e compagni abbattono il muro dei venti goal e volano solitari al secondo posto con un bottino totale di ben 76 reti segnate. Inutile addentrarsi dunque nella cronaca di una partita finita 24-0, meglio commentare altri accadimenti importanti avvenuti in questa sesta giornata di campionato:

- Sponza segna il suo primo goal nel torneo e grazie a questa rete tutti i giocatori del Mezza (compreso Favro che ha giocato una sola partita) hanno fatto centro;

- oltre ai tanti goal realizzati anche la difesa biancoverde inizia a far parlare di se, nelle ultime due partite infatti Pietropaoli G. ha subito solo un goal e contro i Mercenari per la prima volta il Mezza conclude una partita mantenendo la propria porta inviolata;

- grazie ad una tripletta De Martino raggiunge l'importante traguardo dei 500 goal segnati dal 1994 ad oggi nel torneo SCO. Una bella soddisfazione se si considerano i sei interventi alle ginocchia e i dieci anni (2002-2012) di forzata assenza dai campi di calcio.

Il consueto post settimanale di approfondimento si chiude con una breve "preview"sull'ultima partita del girone, il big match contro la Carbonara d'oro. A giocarsi il primo posto nel girone saranno dunque due delle favorite per la vittoria finale, il Mezza Brenta fresca finalista dello SCO e la Carbonara d'oro, la squadra del circolo che gioca in casa e che in quattro competizioni disputate ne ha vinte tre e ha perso una sola partita proprio contro il Mezza. Dunque si prospetta una chiusura della fase eliminatoria col botto, tra le due squadre con i migliori attacchi e le migliori difese e coi due bomber principi del torneo (Ceruti e Cioè). La Carbonara, ancora a punteggio pieno, per arrivare prima nel girone ha a disposizione due risultati su tre, il Mezza ha un solo obiettivo: vincere!

giovedì 20 marzo 2014

FC MEZZA BRENTA - LONG BRIDGE UTD 4-1

Approfittando del turno di riposo della capolista Carbonara d'oro l'FC Mezza Brenta, grazie alla vittoria contro il Long Bridge United, accorcia in classifica portandosi a soli due punti di distacco dal primo posto del girone A. Dopo il diluvio di gol delle due precedenti sfide questa volta i biancoverdi devono accontentarsi di un più contenuto 4-1 che regala comunque il decimo punto e il secondo posto in questa prima fase del 20° SCO. La squadra scesa in campo lunedì scorso era la stessa che nella precedente edizione era arrivata ad un soffio dalla vittoria finale con Favro e Lepore al posto degli assenti Ceruti e Salerno. Soprattutto l'assenza del primo si sente perchè il duo De Martino-Favro non riesce ad avere lo stesso peso realizzativo del bomber made in Scotland. In senso più ampio comunque è tutta la squadra a girare male palesando una condizione fisica a tratti quasi imbarazzante. Nonostante il vantaggio quasi immediato ad opera di De Martino (499esimo gol allo SCO per lui) e la doppia occasionissima sciupata da Favro, il Mezza non riesce quasi mai a fare la partita limitandosi a timide ripartenze in contropiede; le azioni migliori della squadra di Sponza partono dai piedi buoni di Caputo e del solito Pietropaoli S., che nonostante la serata storta, è sempre uno dei migliori oltre che il più pericoloso. La prima frazione di gioco si chiude 1-0 grazie alla serata di grazia di Pietropaoli G. che para l'impossibile salvando in più di un'occasione il vantaggio. Ad inizio ripresa l'ingresso in campo di capitan Calamari non cambia l'andamento del match che vede lo United costantemente in attacco alla ricerca del pari e il Mezza pronto a colpire in contropiede; da uno di questi nasce il raddoppio di Pietropaoli S. lesto a rubare palla a centrocampo e freddo a concludere in fondo al sacco. Sotto di due gol il Long Bridge carica a testa bassa verso l'area avversaria alla ricerca del gol (onestamente anche meritato!) che riaprirebbe la partita, ma deve fare i conti con uno strepitoso Pietropaoli G., un monumentale Caputo ed un generosissimo Sponza che non fanno passare nulla. Mentre escono gradualmente dalla contesa Lepore (impalpabile), De Martino (fuoriforma) e Calamari (confuso) ci pensa Favro ben servito a porta vuota a fissare il risultato sul 4-1 finale; peccato per il gol della bandiera preso da Pietropaoli G. proprio allo scadere perchè il portierone biancoverde avrebbe meritato di chiudere la contesa con la porta inviolata. Nonostante il passo indietro a livello di gioco il Mezza Brenta dunque allunga a tre il numero di vittorie consecutive e in attesa di ritornare al completo e in uno stato di forma migliore, si candida ad un ruolo di protagonista nel torneo.

giovedì 13 marzo 2014

PAPERINO AI MONDIALI

"Paperino ai Mondiali" insieme alla quadrilogia de "Topolino e La spada di ghiaccio" è il fumetto Walt Disney più bello di sempre perchè unisce il mio personaggio Disney preferito (Paperino appunto) alla mia passione per il calcio. Già questo binomio basterebbe da solo per conquistare le mie grazie, se poi all'interno di questo fumetto (distribuito dalla Mondadori all'eccezionale prezzo di 1000 lire nel maggio del 1982) troviamo due lunghissime e bellissimi racconti a tema calcistico, beh non averlo comprato e letto rappresenta un delitto. Le due storie presenti all'interno de "I Classici di Walt Disney" n.65: "Paperino ai Mondiali" e "Paperino calciatore" sono sceneggiate benissimo e disegnate ancora meglio. Sfogliando le pagine si ha l'impressione di leggere tante storie in una che coinvolgono dall'inizio alla fine senza scadere mai nel banale o nello scontato. Rileggerle pochi giorni fa a distanza di più di trent'anni è stato divertente ed appagante e a rendere ancora più prezioso questo fumetto c'è tutta una parte dedicata alla storia dei Mondiali di calcio, con foto, risultati e curiosità e una riguardante i "futuri" (ai tempi dell'uscita del fumetto)Mondiali spagnoli che avremmo vinto. Quindi se ancora non ce l'avete nella vostra libreria vi consiglio caldamente di procurarvelo.

IL PIENO DI GIOCHI DI CARTE

Tra i giochi di società che preferisco ci sono sicaramente quelli che utilizzano le carte; in passato mi sono divertito tantissimo a giocare ai famosi "Uno" e "Solo" per poi passare al mio gioco di carte preferito in senso assoluto, ossia "Super 5" distribuito per pochi anni dalla Parker prima di sparire. Riavvicinandomi al mondo ludico "moderno" ho conosciuto nuovi giochi di carte più curati e complessi coi quali mi sono e mi sto divertendo come "Love Letter", "Smash up" e "Jaipur". A questi la settimana scorsa ho aggiunto altri tre piccoli, ma preziosi gioielli quali "Coloretto" (edizione 10° anniversario), "6 nimmt" e "Habibi". I tre giochi in questione sono molto differenti tra loro: il primo è un gioco molto semplice e coinvolgente da utilizzare come "apripista" di una serata ludica, il secondo ha una durata più lunga e potendo essere giocato additittura da dieci giocatori rappresenta una valida alternativa ai giochi di carte "natalizi", il terzo invece è un collaborativo che ho trovato davvero bello ed innovativo. Appena avrò modo di giocarci più partite posterò un commento più approfondito e dettagliato, per ora mi limito a dire che con poco più di 20€ mi sono garantito ore di futuro divertimento.

mercoledì 12 marzo 2014

FC MEZZA BRENTA - CLUB AMICI 21-4

La quarta giornata del 20° SCO conferma l'ottimo momento di forma che sta attraversando l'FC Mezza Brenta che liquidando con un perentorio 21-4 il malcapitato Club Amici, continua la sua scalata verso la vetta del Girone A. Come era accaduto una settimana prima contro il Wintech, anche stavolta basta meno di un tempo a Sponza e compagni per liquidare la pratica Club Amici e portare a casa vittoria e tre punti. Troppo forte la squadra di Caputo (autore di una prestazione incredibile) per lo stesso avversario che solo due mesi prima aveva quasi costretto i biancoverdi ai supplementari: era dicembre, era il primo turno dei playoff e finì solo 7-6 con mezzo miracolo allo scadere di Pietropaoli G. su tiro libero. Rispetto a quella gara oggi il Mezza sembra tutta un'altra squadra, molto più ordinata e determinata a fare risultato. Partita dopo partita si stanno notando i progressi di un gruppo che gioca sempre meglio e soprattutto per vincere. Le continue polemiche, i nervosismi e le discussioni che c'erano state troppo spesso in campo stanno lasciando rapidamente spazio solo al "gioco". Anche degli eccessi di egoismo notati sette giorni prima non c'è stata traccia, il Mezza Brenta infatti ha giocato per tutti i 50' da squadra mostrando per larghi tratti di gara anche una facilità e fluidità di manovra davvero apprezzabile. Considerando che ci sono ancora ampi margini di miglioramento, dall'oliatura dei meccanismi difensivi ad una migliore condizione atletica, l'FC Mezza Brenta, da vice-campione in carica entra di diritto tra le favorite della competizione. Vista dall'esterno la squadra di capitana Calamari (ancora una buona prestazione ed un gol) sembra veramente una delle più attrezzate del torneo: lo dimostra il numero dei gol realizzati, 48, in sole tre partite e la quantità e la qualità delle alternative in mano a Mister De Martino. Se si pensa che alla già collaudatissima e prolifica coppia gol Pietropaoli S. - Ceruti (la migliore tra le trenta squadre in gara con 34 gol) a breve verrà affiancato il bomber della scorsa edizione Favro, beh puntare alla seconda finale consecutiva è giusto e giustificato. In questa squadra ognuno da il suo piccolo-grande contributo per una causa comune. E' stato bello vedere con quanta tenacia Pietropaoli S. ha cercato per tutta la gara di far segnare De Martino (ora a soli due gol dai 500 in questa competizione) e come lo stesso Mister abbia richiamato in campo nei minuti finali Sponza per cercare insieme ai compagni di fargli segnare il suo primo gol nel torneo. Piccole cose che contribuiscono a fare una grande squadra in cui da qui alla fine ognuno potrà togliersi delle soddisfazioni. Oltre alle grandi prove dei già citati Caputo (un gigante come pivot arretrato), Pietropaoli S. (imprendibile, passano dai suoi piedi tutte le azioni da gol) e Ceruti (un cecchino da area di rigore) questa settimana vanno elogiati tutti i calciatori: Pietropaoli G. (molto concentrato e autore di almeno quattro interventi decisivi), Salerno (solita prova generosa, macina km avanti e indietro sul campo e ha il vizietto del gol), Sponza (se c'è una falla in difesa lui ci mette puntualmente una toppa, concedendo poco e niente agli avversari), Calamari (impiegato come vertice basso o come esterno o come secondo difensore nel 2-2 fa sempre e bene il suo dovere) e De Martino (bilancia la sua precaria condizione fisica con un'altra gara fatta di intelligenza tattica offrendo sponde e allungando o accorciando la squadra). Archiviata la quarta giornata ora testa, cuore e gamba verso il prossimo avversario, il Long Bridge United, squadra da rispettare, ma non temere. Mancherà all'appello bomber Ceruti, ma farà il suo esordio stagionale Favro. Serve una vittoria per dare continuità ai risultati ed accorciare la distanza dal vertice.

giovedì 6 marzo 2014

FC MEZZA BRENTA - WINTECH 20-6

L'FC Mezza Brenta, dopo il pareggio contro il Poggio, conquista i suoi primi tre punti del torneo grazie ad un'orgia di gol a cui hanno partecipato quasi tutti i calciatori biancoverdi. Finisce così 20-6 la sfida contro i malcapitati del Wintech che nulla hanno potuto fare per contrastare la forza d'urto di Caputo e compagni padroni incontrastati del campo dal primo all'ultimo minuto. Non c'è mai stata partita tra le due squadre inserite nel Girone A, troppo differente infatti il tasso tecnico tra Mezza Brenta e Wintech che alla fine può consolarsi solo per il buon bottino di reti segnate nella ripresa. Senza addentrarsi in discorsi tecnico-tattico che sinceramente dopo una sfida del genere hanno poco senso, mi limiterò a scrivere che per lunghi tratti di gara si è visto lo stesso furore agonistico già apprezzato nei venti minuti scarsi giocati contro i Canallias condito qua e là da buone giocate individuali e di squadra. Nonostante il risultato finale però dal punto di vista del "gioco" espresso in campo la squadra di De Martino ha fatto un passo indietro rispetto all'ottima prova della settimana precedente; contro il Poggio si erano apprezzate trame di gioco davvero pregievoli, molta più concentrazione ed un acume tattico e difensivo molto più attento. Riproporre la stessa cura e la stessa attenzione nei dettagli lunedì scorso contro un avversario che dopo dieci minuti è sotto 9-1 non era facile per questo già dalla fine del primo tempo fino al triplice fischio finale le giocate singole hanno avuto la meglio sulla "manovra". Sarà interessante vedere come la squadra dell'estremo Pietropaoli G. si comporterà in campo quando dovrà vedersela con avversari decisamente più forti. A tal riguardo la sfida di fine mese contro i favoriti del Torneo della Carbonara d'oro rappresenterà l'ideale banco di prova per capire le reali ambizione del Mezza in questo 20° SCO. Prima di allora bisognerà fare punti contro Club Amici, Long Bridge United e Mercenari per avere la garanzia di arrivare in uno dei tre primi posti del gruppo. Concludo il commento riportando un dato interessante: grazie ai quattordici gol (dei venti totali) segnati da Pietropaoli S. e Ceruti il Mezza Brenta ha momentaneamente la migliore coppia gol della competizione. Complimentandomi con capitan Calamari per la prima e splendida doppietta realizzata, rinnovo l'appuntamento coi post di approfondimento sul Mezza Brenta tra una settimana.

sabato 1 marzo 2014

FESTIVAL CALCIATORI PANINI ROMA - TOUR 2014

Da diversi anni il "Festival Calciatori Panini" insieme al "Romics" rappresentano per me due "eventi" ai quali cerco in tutti i modi possibili di non mancare. L'anno scorso per motivi differenti, tra cui l'ennesimo intervento al ginocchio, per la prima volta ho saltato sia l'edizione autunnale della fiera del fumetto che la tappa romana del Tour Panini (oltre che Ludica Roma"!) accusando un discreto grado di frustrazione! per non ripetere questa esperienza negativa e non mancare all'appuntamento, quest'anno mi sono preparato per tempo seguendo l'andamento del Tour nel resto d'Italia fino alla tappa romana che per il secondo anno di fila si è svolta nei giardini di Piazza Vittorio anziché a Viale Beethoven all'EUR. Devo dire che il cambio di location ha donato alla manifestazione ancora più fascino: i giardini infatti oltre ad essere molto belli, hanno messo a disposizione di tutti gli appassionati, ma anche dei semplici curiosi, moltissimi spazi di condivisione in più rispetto alle edizioni precedenti. Rispetto al "vecchio" Tour dell'EUR,  che poteva contare solo di un piccolo chiosco e un marciapiede, quella "vittoriana" mi è sembrata molto più organizzata e ricca di novità ed iniziative per i collezionisti più esigenti, per quelli più "casual" e addirittura per i tantissimi bambini presenti all'evento. Insomma ce n'era davvero per tutti i gusti! il fiore all'occhiello di questa edizione è stata sicuramente la possibilità di farsi certificare l'album, solo se completo, col timbro a pressione recante l'effige ufficiale Calciatori Panini. Quello della preziosa certificazione è stato l'obiettivo della tappa romana del Tour; obiettivo faticosamente raggiunto dopo quasi cinque ore di scambi senza sosta, neanche per bere o mangiare! il problema principale quest'anno è stato reperire un paio di figurine che è stato quanto mai prima evidente che la Panini ha distribuito in numero ridottissimo! io sono andato in Fiera con sole otto figurine mancanti (ma con ben altre tre liste di amici da completare) e nonostante l'esiguo numero da ricercare (e i tanti doppioni a disposizione!) ho faticato non poco a completare la raccolta. Però mai come quest'anno ho provato tanta soddisfazione nell'attaccare l'ultima figurina (Biondini del Genoa) che mi ha garantito il timbro, la certificazione e lo scudetto-premio che vedete in foto. In conclusione, prima di ringraziare Luciano per il supporto e la partecipazione, posso affermare senza possibilità di smentita, che quella del 2014 è stata la più bella edizione del Tour Panini da che esiste questa manifestazione.

MOBY DICK - PANINI COMICS

Topolino è stato il primo fumetto che ho letto e collezionato nella mia vita; quello che mio padre mi portava a casa tutti i mercoledì quando finiva di lavorare, quello che ha fatto esplodere definitivamente la mia passione per il disegno, quello che mi ha fatto sognare e viaggiare con la fantasia. Per molti anni, dalla fanciullezza fino ad un'avanzata adolescenza, la mia cameretta è stata dominata da un muro giallo che per me era simbolo di gioia e spensieratezza. Tra le mie storie preferite (ne ho lette moltissime!) non potrò mai dimenticare "Il canto di Natale", la saga de "La spada di ghiaccio" e "Paperino ai Mondiali". Più recentemente ho trovato di ottima qualità anche la serie "Mickey Mouse Mystery Magazine" ed il volume unico di "Epic Mickey"; in questo contesto inserisco anche la mia ultima lettura disneyana "Moby Dick" (che vedete in foto), un volumetto edito dalla Panini Comics che ho trovato semplicemente bellissimo. La storia sceneggiata dal sempre bravissimo Artibani ed illustrata magistralmente dal più "barocco" dei disegnatori Disney, Mottura, merita sicuramente l'acquisto, la lettura e l'entrata a far parte nell'elìte dei fumetti WD da collezionare (insieme ai numeri 1000, 1500, 2000, 2500, 3000 o al primo numero targato Panini, al volume speciale e completo de "La spada di ghiaccio" etc.). Insomma, anche se rileggere oggi le avventure di Topolino, Paperino e co. non è ovviamente coinvolgente come un tempo, la magia mentre sfogliavo le pagine di Moby Dick per me è rimasta sempre la stessa! se si considera anche l'ottimo rapporto qualità-prezzo l'acquisto è davvero obbligatorio!

PS: unica nota stonata del volumetto la prefazione affidata a Lello Arena e la patetica storiella finale scritta dagli Autori. Due riempitivi sinceramente superflui.

LA PS4 E LO STREAMING CON TWITCH

Come già precedentemente detto e scritto sul blog, per la prima volta nella mia lunga "carriera" di videogiocatore, sono riuscito ad avere una home-console nel day-one; si tratta dell'ultima nata in casa Sony, quella PS4 che stenta un pò a decollare, ma che a me ha già regalato molte ore di gioco e divertimento grazie all'unico gioco in mio possesso: FIFA14! entrato nel loop delle stagioni online da fine novembre ad oggi sono riuscito a centrare sei promozioni, a vincere tre Coppe e a retrocedere solo due volte (una peraltro giocando in condivisione con mio nipote Diego che non è propriamente un fenomeno!). Nel momento in cui scrivo sto giocando, anzi inizierò a farlo a breve, nella Divisione 6 che, considerando il mio non essere un campione, già considero un grande traguardo anche se ho fissato come mio obiettivo "definitivo" il raggiungimento della quinta. Parlando di stagioni online e di divisioni voglio spendere due parole su una delle novità più carina e coinvolgente di questa PS4: la possibilità di condividere i videogiochi live in streaming grazie al canale Twitch! molti di voi penseranno che sia un aspetto di poco conto, e probabilmente avranno ragione, ma trasmettere in streaming la partita decisiva per la promozione a me ha dato parecchia soddisfazione! è stato molto divertente, oltre che giocare, ricevere commenti in tempo reale attraverso il canale Twitch direttamente su PSN, su Facebook e addirittura sullo smartphone grazie all'App dedicata. La mia prima "diretta" mondiale non è andata molto bene, mentre perdevo 0-1 è andata via la corrente ed ho perso la partita e la promozione, però nonostante questo è stata un'esperienza nuova e simpatica che sono certo ripeterò in futuro.

mercoledì 26 febbraio 2014

MEZZA BRENTA - IL POGGIO 7-7

Dopo l'antipasto della settimana precedente, i cinque gol in un quarto d'ora e le successive acrobazie organizzative, con sette giorni di ritardo comincia finalmente l'avventura del Mezza nel 20° SCO. Lo stravolgimento (in)giustificato del calendario anticipa lo scontro contro i quotati ragazzi del Poggio di un mese abbondante fornendo anzitempo l'occasione a Calamari e compagni di confrontarsi subito con una delle favorite del Torneo. Allo scontro diretto, che a fine girone varrà sicuramente uno dei primi tre posti in classifica, la squadra di De Martino si presenta con un paio di assenze pesanti rispetto a sette giorni prima, Ceruti e Sponza, oltre ai soliti Favro e Lepore. Nonostante gli uomini contati i biancoverdi  scendono in campo concentrati e determinati a fare risultato contro una squadra che in questa competizione è arrivata in finale per ben cinque volte, vincendone due. L'inizio troppo compassato del Mezza consente al Poggio di fare la partita e di portarsi subito in vantaggio grazie ad una un'azione di attacco ben confezionata dai suoi. Sotto di una rete la squadra guidata dal ritrovato Caputo, impiegato come pivot basso, comincia ad affacciarsi pericolosamente avanti e nel giro di pochi minuti ci pensa un'ispirato Pietropaoli S. a ribaltare il risultato grazie ad una preziosa doppietta. Il vantaggio però non dura molto ed un "gollonzo" favorito dal duo Caputo-Pietropaoli G. prima, ed una serpentina solitaria del 9 avversario poi, riportano i rossi avanti di una rete sul 2-3. La prima frazione di gioco si conclude con un'occasionissima capitata sui piedi di De Martino, che liberato da Pietropaoli S. di spalle alla porta, aggancia bene, ma calcia a lato. Ad inizio ripresa, come già accaduto nel primo tempo, il Poggio segna ancora dopo pochi minuti portandosi meritatamente sul doppio vantaggio, ma ci pensa subito Salerno a dimezzare le distanze grazie ad un non facile tap-in vincente sotto rete. Sul 3-4 la fatica comincia a farsi sentire, i calciatori in campo tirano il fiato ed il Brenta abbassa il proprio baricentro affidandosi esclusivamente alle ripartenze sulle fasce di Pietropaoli S. e Salerno. Il Poggio approfittando dell'ennesimo blackout difensivo avversario piazza il doppio colpo e a otto minuti dalla fine si porta sul 6-3 che sembra avere davvero il sapore della vittoria. Come già capitato in precedenza con Hellas, Beer United e Smile Caffè però il Mezza Brenta messo alle strette ha il solito colpo di coda e in meno ci una manciata di minuti grazie a due bordate imparabili di Salerno intervallate dal gol di un caparbio Pietropaoli S. riportano il risultato in parità. Neanche il tempo di festeggiare che il Poggio, a partita ormai giunta agli sgoccioli, si riporta avanti pregustando il dolce sapore dei tre punti. Pietropaoli G. e compagni però hanno sette vite come i gatti e riacciuffano il pareggio quasi nei minuti di recupero grazie al poker di Pietropaoli S. che mette la zampata vincente per 7-7 finale. Ci sarebbe anche il tempo ed il modo di vincere se non fosse che  l'ennesima "cannonata" di Salerno finisca quasi per spezzare la traversa avversaria e l'arbitro non conceda (per ben due volte!) il sesto fallo valido per il tiro libero. La vittoria forse sarebbe stata onestamente troppo, non perchè non sarebbe stata del tutto meritata, ma perchè visto l'andamento del match ed i valori in campo mi sento di dire che il pareggio è stato il risultato più giusto. Inizia quindi con un punto la scalata verso la vetta della classifica del Mezza Brenta nel Girone A; aver lottato alla pari con una delle squadre più titolate del Torneo senza mezza squadra fa ben sperare per il seguito della competizione. Non mi piace mai parlare dei singoli, ma stavolta farò un'eccezione spendendo due parole sulle prestazioni personali dei calciatori: i più della settimana sono sicuramente Pietropaoli S. autore di un poker e uomo più pericoloso del Mezza; da solo ha tenuto in costante apprensione l'intera retroguardia avversaria nonostante sia al 50% della sua migliore forma fisica. Caputo sorprende nel ruolo di pivot basso perché oltre ad avere le riconosciute doti tecniche nell'impostazione dell'azione, concede nulla o quasi agli avversari quando è chiamato a difendere; forse abbiamo finalmente trovato "in casa" una valida alternativa nel ruolo a Calamari. Altro top player di serata è sicuramente Salerno alla sua prima partita intera coi nuovi compagni. Macina km sulla fascia e fa a sportellate con tutti, ma oltre ai muscoli sfoggia una tecnica apprezzabile tirando fuori dal cilindro una preziosa tripletta che ancora fa tremare la rete avversaria. Un pò in ombra invece gli altri: De Martino quando è chiamato in causa prova a fare il suo, corre molto, ma è visibilmente (e giustificatamente direi) indietro nella condizione e manca di reattività, quella che gli avrebbe permesso di insaccare almeno una delle due ottime occasioni avute. Fornisce due assist-gol, ma non può ancora tenere un minutaggio così alto. Pietropaoli G. è meno brillante e decisivo che in altre occasioni, non commette errori gravi, ma si ha come l'impressione che in certe partite, come appunto questa, non riesca a dare sicurezza alla sua squadra. In molte fasi di gioco non è aiutato dal reparto difensivo che soffre di continue amnesie, ma ci vuole un pizzico di cattiveria e coraggio in più. Calamari gioca una buona prima parte di gara, ma soprattutto nella seconda metà del secondo tempo va in confusione naufragando sotto gli attacchi avversari. A parziale giustificazione ci sono il dolore alla coscia che si porta dietro da più di un mese ed il fatto che ha giocato per la prima volta per tutta la partita come esterno. L'appuntamento in campo è per lunedì prossimo per la sfida col Wintech 96, squadra mai incontrata prima che forse il Mezza Brenta   affronterà per la prima volta al completo.

giovedì 20 febbraio 2014

MEZZA BRENTA - CANALLIAS 5-0 SOSPESA

A poco più di un mese dalla sfortunata e scottante sconfitta in finale contro lo Smile Caffè (di cui ho già parlato) chi si aspettava un Mezza Brenta un pò depresso o demotivato lunedì sera sarà rimasto sicuramente deluso. Il team guidato da capitan Calamari infatti si è presentato al debutto ufficiale nella 20^ edizione dello SCO concentrato ed estremamente determinato al punto di chiudere la pratica Canallias in appena diciassette minuti! ci è voluto infatti meno di un tempo a Sponza e compagni per sbarazzarsi degli avversari abbattuti sotto i colpi di un ispirato Pietropaoli S. e delle bocche di fuoco Caputo e Ceruti tornati in pianta stabile nel gruppo. Il risultato (parziale) 5-0 maturato in poco più di un quarto d'ora va addirittura stretto ai biancoverdi che oltre ad andare a segno con bomber Ceruti (tripletta), Caputo e Smaila (al debutto) sfiorano a ripetizione il gol e costringono alla resa gli avversari fratturando un dito al portiere avversario. Se la partita fosse finita al cinquantesimo anzichè al diciassettesimo molto probabilmente sarebbe finita in goleada. Peccato essere dovuti rientrare anzitempo negli spogliatoi e peccato soprattutto che questa partita non verrà omologata perchè i Canallias a fine match si sono ritirati dalla competizione. Parziale consolazione arriva dall'ottima prestazione generale dei ragazzi che mettono minuti nelle gambe in attesa di trovare la migliore forma fisica. In attacco i rientri di Ceruti e Caputo ad affiancare Pietropaoli S., Favro e De Martino offrono oltre a tanta qualità un'ampia gamma di soluzioni offensive; in difesa buono l'esordio di Salerno che regala muscoli e fisicità ad un reparto già competitivo grazie a Sponza, Calamari e Lepore. Avere tanta possibilità di scelta in avanti consente a Mister De Martino di far giocare Caputo nel ruolo che predilige, cioè quello di pivot arretrato. L'esperimento lunedì non è andato male, ma i meccanismi difensivi vanno un attimo rivisti ed oliati bene perchè il Mezza tende molto spesso a giocare con tutto il quintetto molto avanzato lasciando troppo spazio alle ripartenze avversarie. L'analisi tecnico-tattica si conclude con un breve discorso sulla rosa calciatori composta da ben dieci giocatori: avere più scelta è sicuramente un bene a patto che tutti remino nella stessa direzione e siano disponibili verso il Mister ed il gruppo pensando solo alla squadra e non alla gloria personale. Personalmente in tanti anni di "campo" non ho mai avuto a disposizione e non ho mai fatto parte di una squadra così forte e completa, se tutti entreranno nell'ottica di fare gruppo potremmo toglierci belle soddisfazioni. Detto questo l'unica nota dolente della serata è rappresentata dall'organizzazione del Torneo che come già accaduto fa un pò acqua da tutte le parti. Il fatto che l'iscrizione sia gratuita comporta il rischio di raccogliere nel gruppone delle partecipanti squadre poco serie che non rispettano gli impegni presi, saltano le partite e si ritirano anzitempo. La cauzione che ad alcuni viene chiesta e ad altri no poi è un'aggravante! trovo quasi comico il rivoluzionare i due gironi del lunedì a prima giornata disputata perchè una squadra si è ritirata, sarebbe stato più giusto e semplice omologare il nostro risultato ed assegnare i tre punti a tavolino a tutti i futuri avversari del Canallias e lasciare le cose come erano. Grottesco il fatto che le partite giocate dalle altre squadre, anche se facevano parte di gironi differenti, siano state dichiarate valide per la classifica; tutte ad eccezione della nostra! quest'ultimo fatto avvalora la mia-nostra tesi di non essere molto "simpatici" all'organizzazione del Torneo che come tutti si saranno accorti è un pò pilotato verso la squadra di "casa", quella Carbonara d'Oro che due tornei fa abbiamo condannato ai playout. Tutti si ricorderanno le polemiche al seguito della loro eliminazione ed il fatto che l'organizzatore abbia fatto giocare la finalissima del Torneo tra la vincente dei playoff e quella dei playout cosa mai avvenuta in precedenza (se questa regola infatti fosse stata valida nell'edizione precedente la finale sarebbe stata Carbonara d'Oro-Mezza Brenta vincitori rispettivamente di playoff e playout) e neanche successivamente. Insomma è indiscutibile il fatto che aver propiziato quell'eliminazione prematura ed inaspettata dei campioni in carica ci ha gettato nell'occhio del ciclone ed ecco allora che i nostri risultati non vengono omologati, che i nostri gironi cambiano, che la prima partita la giochiamo col Poggio e che ogni nostra richiesta di cambiare giorno o orario delle partite risulta sempre essere un problema. Ora non so a voi, ma a me queste cose invece di buttare giù caricano a pallettoni e per questo da adesso in poi lascerò parlare solo il campo e visto che avere nel girone Poggio e Carbonara la ritengo una ghiotta occasione non vedo l'ora di giocare!

domenica 9 febbraio 2014

MARIO KART 8 - WII U

Finalmente svelata la cover ufficiale dell'ottavo capitolo dell'attesissimo Mario Kart, in uscita il 30 aprile  per la Wii U. Dopo qualche bel titolo ("Wonderful 101" e "Pikmin 3") e qualcuno deludente ("New Super Mario Bros. U" e "Super Luigi Bros. U") finalmente un titolone che giustificherà almeno in parte i soldi (tanti) spesi per l'ultima nata in casa Nintendo!

GIOCHIAMO?

In meno di un anno ho acquistato quasi venti giochi da tavolo ed escludendo "L'Isola di Fuoco" che è un gdt del passato, la mia personale classifica sui "moderni" è questa:

3. Targi

Non ho inserito in classifica Takenoko, Agricola per 2, Smash Up e Sheepland perché ci ho giocato poco...

PS: cliccando su ogni gioco troverete il link per l'acquisto al prezzo migliore del web

sabato 1 febbraio 2014

SHARKNADO IL MIGLIOR B-MOVIE DI SEMPRE?

Se "Sharknado" sia il miglior B-Movie di sempre non lo so, quello che so per certo è che la scena finale Ian Ziering vs Shark è una delle più geniali che abbia mai visto! quello che mi ha fatto impazzire di questo film è il tono di serietà col la quale sono stati trattati i temi e la storia assurda raccontata nel film. Grande! ne voglio di più e non vedo l'ora che esca il sequel...

IL BALLO DI NATALE 2013 - BACKSTAGE

A distanza di un mesetto dalla proiezione del quinto capitolo del ballo mi è venuta voglia di pubblicare un collage con le foto più carine del backstage. Peccato che alcune siano tagliate, ma nell'insieme credo rendano lo stesso l'idea.